Al Cinema

Manchester by the Sea

di Kenneth Lonergan
con: Casey Affleck, Michelle Williams, Lucas Hedges, Kyle Chandler

Con sei nominations agli Academy Awards, l’attesissimo Manchester by the Sea di Kenneth Lonergan racconta il dramma di Lee Chandler, un solitario tuttofare tormentato dai demoni del suo passato che si ritrova costretto a dover fare da custode al nipote

Scritto da Giovanni Favaretto

Pubblicato il 16/02/2017

Una vita di viaggi e avventure lega Corto Maltese al suo creatore Hugo Pratt. La Mostra a Palazzo Pepoli di Bologna li celebra entrambi e per i 50 anni dalla sua prima apparizione riunisce, tra le 400 opere in esposizione, le tavole originali della Ballata del Mare Salato e mette in risalto le molte influenze letterarie

Scritto da Gabriella Aguzzi

Pubblicato il 16/02/2017

Al Cinema

Resident Evil: The Final Chapter

di Paul W.S. Anderson
con: Milla Jovovich, Ali Larter, Iain Glen, William Levy

L’avventura più ardua per Alice, destinata a combattere per salvare ciò che resta del Genere Umano, ormai sull’orlo della estinzione. Sesto e ultimo capitolo, ma non ne siamo poi tanto sicuri

Scritto da Riccardo Rosati

Pubblicato il 10/02/2017

Al Cinema

La La Land

di Damien Chazelle
con: Ryan Gosling, Emma Stone, J. K. Simmons, Finn Wittrock, Sandra Rosko

Insignito di sette Golden Globe e in corsa agli Oscar con 14 candidature, La La Land restituisce l’ingenuo incanto di un Cinema perduto filtrato dall’amarezza e dallo sguardo di chi avverte quell’incanto sempre più lontano. Chazelle scopre Los Angeles negli angoli più romantici e segreti, la colora, la illumina e la fa risuonare

Scritto da Gabriella Aguzzi

Pubblicato il 26/01/2017

Al Cinema

Allied - Un'ombra nascosta

La trasfigurazione visiva voluta dal regista più che a una mera ricostruzione storica appartiene alla dimensione atemporale del sogno, o del cinema. Le sequenze migliori sono il risultato di un'astrattezza visionaria che può riuscire solo a pochi

Incontri

Otto volte James McAvoy

Diretto da M. Night Shyamalan, James McAvoy sorprende con una interpretazione multipla, come è multipla la personalità del protagonista di "Split". Il nostro incontro con l'attore e col regista


Dal libro al film

Roald Dahl, un vero Grande Gigante Gentile: un solo film non vale una vita fantastica

Il film di Spielberg vuole rispettosamente rimanere fedele alla narrazione originale, e finisce così per risultare quasi un esercizio filologico, senza riuscire a infondere quella poesia e quella leggerezza che regalavano ai piccoli lettori un dolce brivido serale. Riproponendo tuttavia quel connubio di magia e quotidianità che è alla base del sense of wonder di Dahl

Teatro

La Nebbiosa

La Milano nera, protagonista del film che Pasolini non girò mai, vive ora in uno spettacolo teatrale. Stefano Annoni e Diego Paul Galtieri danno volto a tutti i Teddy Boy protagonisti di una notte brava, tra nebbie e periferie, in una vuota disperazione che si traduce in una vita violenta


Reportage

Il Cinema Inutile

A ben guardare, molti dei film realizzati tra il 1977 e il 1988, non solo americani, possono essere ascritti al macro-genere dei film inutili; lo faremo prendendoci la libertà di considerare il termine «inutile» come un sinonimo di «superficiale»

Al Cinema

Il Cliente

Una giovane sposa è costretta a trasferirsi d'urgenza, con il marito, in un appartamento provvisorio dal passato equivoco e molto chiacchierato. Poco dopo la ragazza è oggetto di un'inspiegabile aggressione da parte di uno sconosciuto


Reportage

Ballad in Blood al Museo del Manifesto Cinematografico

Il Museo del Manifesto cinematografico di via Gluck ha chiuso con la proiezione di Ballad in Blood , di Ruggero Deodato. Un piccolo evento tra gli appassionati delle rassegne sul cinema di genere, copia personale della pellicola portata dal regista. Pubblico accorso come una fiumana, a testimonianza che un certo cinema manca nelle sale e lo si desidera

Reportage

Suspiria compie 40 anni

Suspiria ha fatto epoca e restaurato in 4k per il suo quarantesimo compleanno torna in sala e fa ancora parlare di sé. Tutto in Suspiria è un esercizio stilistico che vuole esaltare l’artificio, la dimensione da favola, l’istinto onirico e irrazionale, i Goblin fabbricano la paura almeno al 50%, al resto pensa lo stile inconfondibile di Argento