E' morto Dino Risi

09/06/2008

Quando lo abbiamo indicato come uno dei “maestri della serie B” qualcuno avrà sicuramente orripilato nel vedere il nome di uno dei nostri preclari registi, l’autore di quel capolavoro che è Il sorpasso, affiancato al termine “serie B”. Quel qualcuno si dimentica l’aggettivo “maestro” e la definizione che diamo a serie B: non opere artisticamente inferiori, ma produzioni a medio-basso costo e di genere. Tranne rare eccezioni ( Anima persa, per esempio), nelle sue oltre 50 pellicole Risi si è raramente scostato dalla commedia all’italiana, che anzi lui stesso, col suo cinema, ha contribuito a definire. I titoli migliori? Dipende dai gusti ( per esempio Risi è un maestro del film a episodi, sottogenere che molti detestano), ma credo che all’unanimità si possano citare almeno (in ordine alfabetico): Il giovedì, In nome del popolo italiano, I mostri, Profumo di donna, Straziami ma di baci saziami, Vedo nudo, Il vedovo. Oltre, naturalmente, al citato Sorpasso. Tutte opere in cui il divertimento si unisce alla malinconia e alla capacità di mettere alla berlina vizi e ignoranze dell’italiano medio. Possiamo infatti proseguire citando Una vita difficile, Telefoni bianchi, Il segno di Venere, La marcia su Roma, Sono fotogenico.... Sono, appunto, le caratteristiche del “suo” genere: opere corali in cui “ridendo si castigano i costumi” e in cui è fondamentale avere interpreti di alto livello capaci di trasformarsi in caricature. Risi ha avuto tra le mani (e, in un certo senso, ha “inventato”) i quattro cavalieri della commedia italiana: Gassman, Tognazzi, Sordi e Manfredi. Inoltre, ha lavorato con Mastroianni, Giannini, Pozzetto, Chiari, Peppino de Filippo, Renato Salvatori, Totò, Monica Vitti, Enrico Maria Salerno, Ornella Muti, Sofia Loren, Vittorio de Sica, Agostina Belli, Laura Antonelli, Coluche, Sylva Koscina e la più grande commediante italiana, Franca Valeri. Scusate se è poco. A 91 anni Risi ci ha lasciato, ma ha potuto essere contento di se stesso e di ciò che ha dato alla nostra industria cinematografica e alla nostra immagine all’estero, assieme al suo amico-rivale Mario Monicelli, ancor più longevo. Risi inizia nei tardi anni ’50, ha il suo periodo d’oro negli anni ’60, che prosegue (tra alti e bassi...) negli anni ’70. Gli anni ’80, purtroppo, segnano il declino: non è più tanto facile dipingere l’Italia...e produrre film, comincia l’era della televisione. Gli ultimi 15 anni , ahimé, sono inesistenti: dopo “Tolgo il disturbo”, del ’90, realizza solo il dimenticabile “Giovani e belli”, che ha ormai 10 anni. Ha ceduto il testimone al figlio Marco, che ha saputo trovarsi una propria strada, passando dalla commedia di costume al film sociale. Dino non ha (quasi) mai voluto abbandonare i toni più scanzonati ( e cattivi), a costo di scivolare, talvolta, nella semplice barzelletta: anche in questo modo ha fatto scuola. Di cosa incolparlo? Per assurdo, proprio di aver codificato il genere e di averlo legato agli anni ’60: oggi, dopo le vette toccate da Risi-Monicelli-Scola ( e Pietro Germi, Franco Rossi, Luigi Zampa, Luigi Comenicini), nessuno osa più confrontarsi col genere, se non facendolo scadere a “commediaccia” e “cinepanettone”. Ma per i film che ha fatto lo ringraziamo.

Elena Aguzzi