The Conspirator

26/06/2011

di Robert Redford
con: James McAvoy, Robin Wright, Kevin Kline, Evan Rachel Wood, Tom Wilkinson, Danny Huston

Redford indaga nella Storia dell’America per scoprirne il cuore nero. Quello che porta in luce è uno dei suoi controversi episodi, sullo sfondo di un’America sconvolta dall’assassinio di Lincoln e in cerca di una pena esemplare per i suoi colpevoli, perché alle spalle c’è un popolo che reclama ardentemente giustizia. Una giustizia che, una volta messa in moto, travolge anche un’innocente, perdendo così il suo nome. Tra i Cospiratori viene annoverata anche Mary Surratt, rea unicamente di gestire la pensione in cui essi si radunavano per pianificare l’assassinio del Presidente, ed “esca” per la cattura del figlio John. A difenderla, seppur con iniziale riluttanza, è il giovane capitano nordista Frederick Aiken (James McAvoy) che nel corso del processo si ritrova, emotivamente coinvolto, a combattere donchisciottescamente contro il tribunale militare instaurato per una condanna rapida e definitiva, e ad essere per lei un figlio più degno.
La veste è quella, apparentemente semplice e lineare, del thriller processuale. Ma dietro la sua facciata Redford va a scoprire un groviglio di emozioni, rivelando un’America lacerata dal conflitto tra Nord e Sud sulla quale a distanza di tempo rimuove luci ed ombre, sfidandone coraggiosamente i Miti. Non alieno dalla verbosità in cui già indulgeva in “Leoni per agnelli”, compensa però ampiamente questa pecca con un’impeccabile calligrafia scenografica, una fotografia suggestiva la cui gamma cromatica evoca la visione del passato, ed attori assolutamente perfetti, tra cui spicca una meravigliosa, toccante Robin Wright nel ruolo di Mary Surratt. Si consiglia, per gustarlo pienamente, la visione in lingua originale: sarà una gioia per le orecchie, oltre che per gli occhi.

Voto: 7,5

Gabriella Aguzzi