Fright Night - Il Vampiro della porta accanto

26/08/2011

di Craig Gillespie
con: Anton Yelchin, Colin Farrell, Christopher Mintz-Plasse, Imogen Poots, Toni Collette


Puntuale con gli ultimi caldi di fine estate ecco arrivare sugli schermi lo pseudo horror per teen agers. Per teen agers americani, sarebbe meglio dire, perché fortunatamente il nostro pubblico, anche giovanissimo, dal mondo tenebroso dei vampiri richiede qualcosa in più dello spettacolo di un coraggioso ragazzino armato di paletto che respinge i mostri soprannaturali con qualche battuta sempre pronta per alleggerire la tensione.  Remake dell’omonimo film dell’85 (“Ammazzavampiri” nell’edizione italiana, mentre quest’ultimo reca come sottotitolo “Il Vampiro della porta accanto”), con il 3D ormai immancabile in ogni operazione di remake, soprattutto se sono previste spettacolari uccisioni, Fright Night porta i Vampiri nel mondo quotidiano e infatti il giovane Charley Brewster ha la sfortuna di scoprire che il nuovo affascinante vicino di casa è un autentico Vampiro che miete vittime tra i suoi amici. Sorvoliamo sul fatto che nessuno indaga su queste sparizioni, tanto questo prodotto di facile consumo è lontano da ogni pretesa di verosimiglianza: sta di fatto che il ragazzo è l’unico a credere nell’esistenza del Vampiro e finisce poi col chiedere aiuto ad un esperto che dei trucchetti scaccia-vampiri ha fatto l’essenza del suo show televisivo, convertendo il fasullo teatrante ad una vera caccia.
Se vogliamo trovare un’attenuante a questo deplorevole filmetto che riesce a trascinare nel gorgo perfino un attore come Colin Farrell, segnaliamo l’uso palese dell’ironia che arriva a farsi parodia del genere. Per il resto l’orrore c’è, nel senso che il film è un vero orrore. Tuttavia è sempre preferibile ai vari Twilight, che hanno la pretesa di prendersi sul serio.

Voto: 4

Gabriella Aguzzi