Sfida senza regole

26/09/2008

di Jon Avnet
con: Robert De Niro, Al Pacino

“Righteous Kill”, ovvero “Sfida senza regole”  è uno di quei film che mettono in crisi chi si accinge a recensirli perché ogni parola di troppo rischia di guastare allo spettatore il piacere di un gioco di sorprese e colpi di scena, di un meccanismo ad incastro sapientemente costruito per avvincere e stupire. E’ anche uno di quei film che vanno visti due volte per assaporarne i dettagli, una volta conosciuta la trama. Trama quindi sulla quale sorvoleremo volutamente per soffermarci sugli aspetti tecnici.
Innanzi tutto l’elemento più di richiamo, e già di per sé una ragione per correre a vedere il film, è la presenza di Robert De Niro e Al Pacino. I due mostri sacri, che avevano condiviso solo “Il Padrino” senza mai apparire insieme e “Heat – La sfida”, confrontandosi solo in due scene, sono ora fianco a fianco, poliziotti alle prese con il caso del serial killer poeta che fa pulizia di tutti i rappresentanti del Male. Una sfida con il tempo, con un assassino che non è ciò che sembra, con la propria coscienza, con la logica della follia, dove è labile il confine tra Bene e Male. Una sfida mozzafiato anche tra i due interpreti, nella quale risulta difficile stabilire il vincente, che hanno pubblicamente promesso di tornare insieme sullo schermo.
Un montaggio serrato, che promette emozioni già nella sequenza di apertura, l’atmosfera dark e soprattutto una sceneggiatura senza grinze, abilmente costruita e ricca di ribaltamenti, fanno di “Sfida senza regole” un thriller adrenalinico e appassionante.

Voto: 7,5

Gabriella Aguzzi