E Natale con Tony Hadley

20/12/2016

Inizia con un omaggio a David Bowie e le note di Life on Mars sono le prime a levarsi nel Teatro. Il Tour di Tony Hadley solista, accompagnato dalla sua band, dopo il successo alla Royal Albert Hall, tocca anche Milano. Una sola serata al Teatro Nazionale Che Banca! in pieno clima natalizio, con alcune delle sue canzoni di Natale preferite che fanno parte di The Christmas Album, da Let it Snow a Santa Claus is coming to Town, da Shake up Christmas al classicissimo White Christmas che chiude il concerto.
Lo spettacolo di Tony Hadley è questo, ma è anche qualcosa di più. E’ una lunga passeggiata tra i greatest hits degli Spandau Ballet. To cut a long story short, Highly Strung, Round and Round, Only when You Leave, I’ll fly for you, Lifeline, Through the Barricades, True si susseguono una dopo l’altra, evocando ricordi in chi le cantava da giovane e magari al concerto si è recato accompagnato dai figli. Bello infatti è vedere un pubblico di tutte le età accalcarsi sotto il palco (le poltrone del teatro restano abbandonate da subito) per questa carrellata tra gli Spandau Ballet senza Spandau Ballet al seguito che diventa un one man show di un Tony Hadley sprizzante simpatia: scherza, brinda, stringe le mani che si agitano, da bravo inglese si fa una birra prima dei bis, alterna i mai dimenticati e sempre cari successi al repertorio natalizio.
E - sorpresa gradita – ci regala With or Without degli U2, Run Run Rudolph di Chuck Berry e Somebody to Love dei Queen. Con una voce mai in declino.

Gabriella Aguzzi